Torre Piloti, Carpanini : "Colpa dell'equipaggio e della posizione della struttura"

"Il crollo della torre piloti, avvenuto il 7 maggio 2013 e in cui persero la vita nove persone, fu colpa della disattenzione dell'equipaggio; sulla tragedia potrebbe però avere influito anche il posizionamento della struttura". Lo afferma il giudice Silvia Carpanini che nelle motivazioni della sentenza scrive: "Non può non tenersi in considerazione che forse altre responsabilità potrebbero individuarsi a carico di chi ha permesso la costruzione della torre in una posizione così esposta, senza che venisse adottata alcuna cautela, né sotto forma di struttura di protezione né come disciplina della navigazione".

"Questo - aggiunge - non fa venire meno la responsabilità di chi ha travolto la torre con una manovra che non presentava criticità, affrontata solo con imprudenza e disattenzione, ma certo una generale presa di coscienza da parte di chi gestiva la struttura del pericolo nel far manovrare navi in quel contesto e della necessità di adottare misure di protezione anche contro l'errore umano inescusabile, avrebbero potuto impedire la tragedia".
   

 



Pubblicato il 10 / 7 / 2017